Vendere libri su Amazon Senza Partita Iva

Vendere libri su Amazon senza partita iva

Vendere Libri su Amazon Senza Partita IVA: Quando è Possibile?

Vendere libri su Amazon senza Partita IVA è un’opportunità che attira molti aspiranti venditori e autori. La possibilità di farlo dipende principalmente dal tipo di venditore e dalle attività specifiche svolte.

Un autore che pubblica il proprio libro tramite Amazon Kindle Direct Publishing (KDP) e riceve royalties non è obbligato ad avere la Partita IVA. Questo perché le royalties sono considerate compensi derivanti dal diritto d’autore, il che avviene solitamente in presenza di un contratto tra l’editore e l’autore.

Al contrario, un venditore che non è l’autore del libro è considerato un imprenditore e deve quindi possedere la Partita IVA. Questo include chi si occupa della ricerca delle tematiche, decide il prezzo di vendita, e le strategie di marketing, ma non partecipa alla creazione del libro.

Royalties e Pratiche Burocratiche

Le royalties derivano da un contratto editoriale, dove l’autore cede i diritti di pubblicazione a un editore (in questo caso, Amazon tramite KDP) in cambio di una percentuale sui ricavi delle vendite. In questo scenario, non è necessaria la Partita IVA, a meno che l’attività non superi certi limiti di reddito stabiliti dalle normative fiscali vigenti. Tuttavia, per i venditori che pubblicano libri scritti da altri o gestiscono un catalogo di titoli, la situazione è differente. Essi sono considerati imprenditori e devono gestire le implicazioni fiscali e burocratiche connesse, inclusa la necessità di una Partita IVA.

Vendere libri su Amazon comporta una serie di pratiche burocratiche per chi è obbligato ad avere la Partita IVA. Il primo passo è richiedere il numero di Partita IVA all’Agenzia delle Entrate, definendo il tipo di attività svolta e indicando il codice Ateco corrispondente, solitamente il 47.91.10 per il commercio al dettaglio di libri. Successivamente, è necessario iscriversi al Registro delle Imprese presso la Camera di Commercio, formalizzando l’attività commerciale per operare legalmente nel mercato. Inoltre, bisogna iscriversi alla Gestione Commercianti per pagare i contributi INPS, garantendo la copertura previdenziale e sociale. Infine, è necessario presentare la pratica SCIA all’Ufficio SUAP, dichiarando il luogo in cui verrà svolta l’attività commerciale.

Regimi Fiscali per la Vendita di Libri su Amazon

I venditori di libri su Amazon possono adottare diversi regimi fiscali, in base al volume d’affari, alla struttura dell’attività e alle preferenze personali. Il regime forfettario è una scelta vantaggiosa per molti venditori, grazie alla sua semplicità gestionale e alla tassazione ridotta, con una tassazione fissa del 5% o del 15% sui ricavi. Questo regime permette di richiedere uno sconto sui contributi INPS obbligatori ed esenta dall’applicazione dell’IVA sulle vendite, offrendo prezzi più competitivi. Altri regimi fiscali includono il regime della ditta individuale e delle società di persone, nonché il regime delle società di capitali, ognuno con vantaggi e svantaggi specifici da valutare attentamente.

Vendere libri su Amazon senza Partita IVA è possibile in determinate circostanze, principalmente legate al ruolo dell’autore e alla natura delle royalties. Tuttavia, per coloro che operano come imprenditori, la gestione fiscale e burocratica diventa un aspetto cruciale dell’attività. La scelta del regime fiscale giusto e la comprensione delle pratiche burocratiche necessarie sono fondamentali per il successo e la conformità legale.

Se vuoi approfondire il tema e prenotare una consulenza, CLICCA QUI!

Se vuoi approfondire il tema “Vendere libri su Amazon senza partita iva” guarda questo video.

  Comments: 10

Commenti

  Commenti: 10


  1. Salve
    Vorrei capire una cosa, perché è sempre difficile muoversi nel fisco italiano

    Se io dovessi scrivere un libro, farne la copertina, e pubblicizzarlo in qualche modo
    (Per intenderci il low content che tanto va di moda ora con l’intelligenza artificiale), sono obbligato ad aprire p.iva, o il compenso va soltanto dichiarato nella dichiarazione dei redditi???


    • Salve,
      se svolge l’attività in questo modo (continuativo e organizzato), è richiesta fin dal principio l’apertura di una p.iva


  2. Salve sé ho capito bene, nel mio caso sé io da cittadino privato vorrei vendere libri su Amazon kdp (libri scritti e pubblicati da me su la piattaforma) sono esente da partita iva?


  3. Salve,
    Sto per publicare un romanzo tramite Amazon KDP, ho letto un vostro articolo sul sito dove spiegate molto chiaramente il concetto di p.iva. Quando affermate “ Questo scenario non richiede la Partita IVA, a meno che l’attività non superi certi limiti di reddito, che variano a seconda delle normative fiscali vigenti.” In Italia a quanto ammonta il limite di reddito ??


    • Salve,
      se si riferisce al limite previsto per la prestazione occasionale, parliamo di 5.000€ di fatturato lordo annuo.


  4. Se io pubblico un libro da me scritto su KDP (sono l’autore), ed è Amazon che lo stampa e lo vende (cioè fa da editore) non serve la partita iva, ma dovrò solo dichiarare i compensi percepiti (royalties), giusto?


    • Amazon non opera come casa editrice. Dunque, per la vendita delle sue opere (effettuata attraverso Amazon), è richiesta l’apertura di una p.iva.


  5. Buonasera,
    vedo che le risposte della sig.ra Adriana sono tutte uguali, ma mi sembra che nel testo dell’articolo si dia una risposta molto piuà articolata.
    Di fatto ci sono delle situazioni in cui sia possibile pubblicare su Amazon KDP senza partita IVA.


    • Salve Massimo,
      se desidera approfondire la sua posizione, siamo disponibili per una consulenza.
      Penso sia comprensibile l’impossibilità di argomentare in modo articolato una situazione personale e (forse) imprenditoriale se non si conosce la posizione in cui versa una persona fisica.
      Sono molte le variabili da considerare.
      Dunque, le rinnovo la nostra disponibilità.

Commenta ora

Confermo di acconsentire al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 196/03 e dell'art. 13 del Regolamento UE 679/16 e di aver preso preso visione dell'informativa privacy.