Malta e Fisco: Approfondiamo Insieme!

malta e fisco

Malta e Fisco: Quali sono le tasse da pagare? Che aliquote ci sono? Quali forme societarie troviamo?

Malta e Fisco: Se vogliamo parlare di un luogo molto interessante e suggestivo, non solo dal punto di vista economico, per cominciare una nuova attività, ma anche come livello di stile di vita elevato, con molti vantaggi da usufruire, Malta è uno di questi. L’isola nel Mediterraneo è sempre più una direzione suggestiva, e in questo articolo cercheremo insieme di scoprire i punti di forza, secondo alcuni punti focali:

  • Residente domiciliato e non domiciliato
  • Come funziona il sistema tributario?
  • Forme societarie disponibili per cominciare l’attività
  • Persone giuridiche e attività imprenditoriali

 

Malta e Fisco: Residente domiciliato e non domiciliato

Prendendo in considerazione il Fisco maltese, una persona viene riconosciuta come residente nel momento in cui vive minimo 183 giorni nel corso di un anno solare a Malta.

La differenza però che incorre tra domiciliato e non domiciliato non dipende da essere un residente o meno. Il domicilio corrisponde sia alla residenza fisica, sia alla volontà della persona stessa di vivere nel lungo termine a Malta, quindi viene considerata anche una componente non materiale, oltre che quella materiale.

Il fatto di essere domiciliato oppure no è maggiormente complicato, perchè appunto va ad includere dei fattori non materiali che sono da considerare molto attentamente prima di prendere la decisione finale. I fattori in questione possono essere il rapporto con la famiglia, decidere il luogo in cui vivere e molto altro.

Per questo motivo, l’opzione migliore è sempre parlare con un professionista del settore fiscale per capire meglio la situazione personale, in modo da poter scegliere la migliore opzione possibile.

Implicazioni Fiscali per i “Residenti Non Domiciliati”

I residenti non domiciliati pagano i contributi nel momento in cui:

  • Il loro reddito da lavoratore dipendente proviene da una società con sede legale a Malta;
  • Il loro reddito in territorio maltese viene generato da un’attività da lavoratore autonomo o come proprietario di una società maltese;
  • Ogni forma di reddito ottenuta da loro all’estero in una data posteriore a quella di acquisizione di residente presso Malta;
  • I propri capital gain derivano dalla vendita di beni mobili e immobili ubicati a Malta;

Dall’altra parte, sempre il residente non domiciliato usufruisce di determinate esenzioni fiscali quando:

  • Il reddito generato dall’impiego presso una società non maltese, a meno la sede non venga trasferita a Malta;
  • Il cosiddetto “clean capital”, ossia il capitale detenuto prima della data di acquisizione dello status di residente, anche se successivamente trasferito a Malta;
  • I capital gain realizzati dalla vendita di beni mobili ed immobili non situati a Malta, anche se realizzati dopo la data del cambio di residenza e indipendentemente dal loro trasferimento su un conto corrente maltese.

 

Malta e Fisco: Come funziona il sistema tributario?

Il sistema tributario maltese è molto simile a quello italiano, in quanto possiamo osservare come esistano degli scaglioni nei quali, determinata la somma totale ricavata dalla persona, rientri una percentuale da applicare ad essa.

Gli scaglioni procedono secondo questo ordine:

  • 0% sui guadagni inferiori a 9.100€;
  • 15% sui redditi compresi tra 9.101€ e 14.500€;
  • 25% sui redditi compresi tra 14.501€ e 60.000€;
  • 35% sui redditi ulteriori a 60.001€.

 

Malta e Fisco: Le forme societarie disponibili per cominciare l’attività

Nel sistema fiscale maltese le forme societarie maggiormente utilizzate per avviare una società sono tre, che elenchiamo di seguito:

  • Società Privata a Responsabilità Limitata (Ltd.):La forma più utilizzata in assoluto a Malta, per il fatto che è maggiormente adatta ad imprese di piccole e medie dimensioni. Il Fisco maltese prevede i seguenti obblighi, in corso di costituzione della società:
  1. Deve esserci almeno un azionista e un amministratore, le quali possono anche coincidere con una stessa persona fisica o entità;
  2. Il capitale sociale minimo da presentare è di €1.165, e almeno il 20% del capitale sociale deve essere versato in fase di costituzione;
  3. Le società private a responsabilità limitata non possono offrire le loro azioni al pubblico.
  • Società Pubblica a Responsabilità Limitata (plc.): Si tratta di una società che può essere considerata simile ad una Società Privata, solamente che è più favorevole per le imprese di grandi dimensioni. Gli adempimenti cui i soci devono avere presente in fase di costituzione sono:
  1. Presenza di almeno due azionisti e un amministratore;
  2. Un capitale sociale minimo di €46.590, con il 25% dell’ammontare totale versato al momento della costituzione;
  3. Possibilità da parte della società di offrire le proprie azioni al pubblico.
  • General and Limited partnership: si tratta delle società in nome collettivo e società in accomandita e vanno a costituire le 2 forme consentite dall’ordinamento maltese di società di persone.

 

Malta e Fisco: Persone giuridiche e Attività imprenditoriali

A Malta esiste un procedimento di rimborso fiscale, chiamato Income Tax, il quale permette appunto di abbattere l’aliquota progressiva spiegata precedentemente con gli scaglioni, riducendola di parecchio.

Il sistema Fiscale prevede un’aliquota del 35% di tasse da pagare sul totale conseguito da una società con sede legale a Malta. Una volta che vengono suddivisi i dividendi netti ai vari soci, questi ultimi possono richiedere un rimborso della quota impositiva cui la società è soggetta.

Il rimborso è pari ai 6/7 dell’imposta totale versata dalla società successivamente alla distribuzione dei dividendi, e questo permette di far scendere l’aliquota al di sotto del 5%.

L’Income Tax è un procedimento particolarmente vantaggioso a livello fiscale per tutte le imprese, ed è soprattutto grazie a questo che Malta negli ultimi anni sta sempre maggiormente prendendo campo nel panorama internazionale, e successivamente meta favorevole, tanto da essere definita come un paradiso fiscale.

Malta possiede una forza lavoro qualificata, molto presente, e soprattutto duttile, grazie alla capacità di interloquire attraverso diverse lingue, fattore che può suscitare anche forte interesse alle imprese internazionali, dato che possono interagire in maniera fluida e semplice.

L’atteggiamento cortese e amichevole delle persone maltesi permette anche di avere una buona prima impressione anche per i loro business, maggiormente improntati attualmente a investire verso l’estero e con l’obiettivo di crescere la loro realtà economica. Malta permette anche a molti paesi con cui stringe rapporti economici di non applicare la doppia imposizione fiscale, per dare una certezza alle società di non pagare due volte i contributi sullo stesso principio di reddito. Con questi accorgimenti, Malta risulta essere una meta veramente appetibile dal punto di vista economico, sociale e fiscale.

 

Se hai bisogno di una consulenza fiscale per approfondire l’argomento CLICCA QUI!

Se vuoi approfondire il tema “Malta e Fisco” guarda questo video.

  Comments: None

Commenta ora

Confermo di acconsentire al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 196/03 e dell'art. 13 del Regolamento UE 679/16 e di aver preso preso visione dell'informativa privacy.