Fatturazione elettronica forfettario: è obbligatoria?

Novità fatturazione elettronica regime forfettario

FATTURAZIONE ELETTRONICA E  REGIME FORFETTARIO: tutto quello che devi sapere!

La fatturazione elettronica è obbligatoria anche per i contribuenti in regime forfettario?

Di recente c’è stata un’importante novità in merito.

A partire dal 1° luglio 2022 anche i contribuenti in regime forfettario hanno l’obbligo di emissione delle fatture in formato elettronico.

Partiamo dal principio: che cos’è e come funziona la fattura elettronica?
Ecco una mini guida con tutto quello che devi sapere sulla fatturazione elettronica.

 

CHE COSA È LA FATTURAZIONE ELETTRONICA?

La fattura elettronica è un documento digitale che contiene le stesse informazioni contenute nella fattura cartacea. Molti campi della fatturazione elettronica corrispondono infatti a quelli della versione “cartacea”: dati del cliente, dati del fornitore, descrizione dei prodotti venduto o dell’attività svolta.

Una delle principali differenze sta nel fatto che la fattura è in formato XML e deve essere inviata al Sistema di Interscambio (SdI).

La fattura elettronica viene trasferita con il codice destinatario (chiamato anche codice Univoco) o con l’indirizzo PEC del titolare di Partita Iva.

Per poter consegnare la fattura è quindi necessario dotarsi di un software di fatturazione elettronica, che permette di gestire la fatturazione direttamente dal proprio profilo. Il consiglio è quello di scegliere un programma semplice ed intuitivo.

 

DAL 1° LUGLIO OBBLIGO ANCHE PER I CONTRIBUENTI IN REGIME FORFETTARIO

Fino a qualche mese fa uno dei tanti vantaggi dei contribuenti in regime forfettario era quello di poter emettere le proprie fatture in formato cartaceo.

Dal 1° luglio questo non sarà più possibile. La fatturazione elettronica diventa, infatti, obbligatoria anche per i contribuenti in regime forfettario.

In attesa del testo definitivo, la bozza del decreto prevede che nel terzo trimestre dell’anno 2022 è consentita l’emissione della fattura elettronica successivamente ai 12 giorni “canonici”. Nello specifico viene previsto che l’emissione della fattura elettronica è consentita entro il mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione, senza che vengano applicate sanzioni per la tardiva fatturazione.

Inoltre, è da notare che sembra rimangano esclusi dall’obbligo di fatturazione elettronica, fino al 2024, i contribuenti in regime forfettario che percepiscono ricavi e compensi non superiori a 25.000 euro.

 

COME SI EMETTE LA FATTURA ELETTRONICA IN REGIME FORFETTARIO?

Come anticipato, per emettere la fattura in formato elettronico è necessario utilizzare un software. L’Agenzia delle Entrate mette a disposizione il proprio portale gratuito ma è possibile scegliere tra tanti altri.

Una volta scelta la piattaforma, è molto importante configurare il proprio profilo di fatturazione in modo tale da non emettere le fatture nel modo sbagliato. Presta attenzione a selezionare il regime fiscale (Regime Forfettario) e la Cassa previdenziale corretta (Gestione Separata, INARCASSA, ecc.).

Dopo aver inserito le proprie informazioni e le informazioni del destinatario:

  • compila i dati della fattura: numero progressivo, data, prodotti e servizi, dati di pagamento;
  • specifica l‘imposta di bollo virtuale: con la fatturazione elettronica non è più necessario acquistare la marca da bollo cartacea ma l’imposta di bollo è virtuale. Alla fine di ogni trimestre gli importi saranno da versare tramite IBAN o modello F24.
  • Aggiungi le diciture obbligatorie: “Operazione senza applicazione dell’IVA, effettuata ai sensi dell’articolo 1, commi da 54 a 89, l. n. 190 del 2014 così come modificato dalla l. n. 208 del 2015 e dalla l. n. 145 del 2018” e
    Operazione non soggetta a ritenuta alla fonte a titolo di acconto ai sensi dell’articolo 1, comma 67, l. n. 190 del 2014 e successive modificazioni”.
  • Invia la fattura al Sistema di Interscambio.

Se vuoi sapere nello specifico come compilare correttamente la fattura o per qualsiasi altro dubbio o domanda fiscale puoi prenotare una consulenza direttamente da questo link.

  Comments: None

Commenta ora

Confermo di acconsentire al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 196/03 e dell'art. 13 del Regolamento UE 679/16 e di aver preso preso visione dell'informativa privacy.