Aprire un tutto 50 centesimi: tutto quello che devi sapere

Nonostante l’impegno e una serie di provvedimenti per rilanciare il mondo del lavoro italiano, i problemi occupazionali nel nostro Paese restano e sono tanti. In un contesto simile trovare lavoro per i giovani è sempre difficile, per questo bisogna credere in qualche progetto alternativo al lavoro dipendente. Mettersi in proprio e aprire un tutto 50 centesimi può essere una soluzione ottimale per dare una svolta alle proprie condizioni di vita.

Stiamo parlando di un’attività che non richiede un grosso investimento, proprio per la sua stessa natura. Allo stesso tempo vendere tutti gli articoli a un prezzo così basso, a prescindere dalle caratteristiche e dalle dimensioni della merce commercializzata, è di per sé un motivo di grande richiamo per i consumatori. Credere però che dar vita a un progetto imprenditoriale del genere sia facile in virtù del basso investimento e degli articoli a costi stracciati proposti ai consumatori è del tutto sbagliato.

Anche con un negozio di questo tipo per avere successo e per garantirsi buoni margini di guadagno le cose vanno fatte per bene, senza eccessiva fretta, senza leggerezza e seguendo criteri logici. Allora vediamo nei paragrafi che seguono come fare per aprire un tutto 50 centesimi rispettando le buone abitudini di mercato: convenienza, location, burocrazia, consulenza, ecco quello che c’è da sapere per partire con il piede giusto.

APRIRE UN TUTTO 50 CENTESIMI: CONVENIENZA

Aprire un tutto 50 centesimi

Le ragioni che possono spingere una persona ad aprire un tutto a 50 centesimi sono diverse. Innanzitutto per mettersi in proprio il più delle volte l’investimento da fare è piuttosto corposo, mentre in questo caso non servono affatto grosse cifre. Si tratta di un basso investimento sia perché basta un locale di dimensione ridotte sia perché non occorrono grandi attrezzature, macchinari né merce di valore. Per allestire la location di un negozio a tutto 50 centesimi è sufficiente qualche scaffalatura e poco altro.

La convenienza poi sta nel fatto che, visto il prezzo, difficilmente il cliente esce dal negozio senza acquistare nulla. Solitamente, una volta entrati in un negozio tutto 50 centesimi, i clienti riempiono i loro carrelli di articoli vari, a cominciare da quelli per la casa. I tanti articoli a costo così basso rappresentano una vera e propria tentazione per un cliente che entra nel negozio.

A fare la differenza in positivo, infatti, è la grande varietà di articoli da proporre alla clientela. È possibile commercializzare quaderni, matite, penne, colla, gomme, temperini, smalti, shampoo, bagnoschiuma, oggettistica per la casa, guanti, forbici e tanto altro ancora. Dalla cancelleria agli articoli per la casa, passando per piccoli prodotti di profumeria, le cose da vendere sono diverse.

APRIRE UN TUTTO 50 CENTESIMI: LOCATION

Anche in questo caso, una delle prime cose da fare è individuare la location più appropriata per avviare la nuova attività commerciale. Sicuramente è da preferire un locale in una posizione strategica, vale a dire in un luogo di forte passaggio pedonale.

Appare chiaro che una location posizionata nel bel mezzo di un centro abitato oppure nelle sue immediate vicinanze garantisce all’attività una maggiore visibilità rispetto a un locale ai margini di una periferia. La morale è sempre la stessa: un maggiore investimento indirizzato a una location ideale assicura maggiori margini di guadagno e allontana il rischio di un veloce fallimento.

Per quanto riguarda, invece, la grandezza del negozio, la natura dell’attività commerciale non richiede grandi spazi. Questo in linea di massima perché, ovviamente, se si punta a un negozio con un assortimento vario e molto corposo allora il discorso cambia. Generalmente per aprire un tutto 50 centesimi è sufficiente un locale di 60/70 metri quadrati, la cosa importante è la messa a norma dell’ambiente di lavoro e il suo aspetto.

Senza rispettare le norme igienico-sanitarie non è possibile ottenere i permessi per aprire, autorizzazioni concesse dalle autorità competenti solo dopo opportuni controlli. Quindi bisogna trovare una location con precise caratteristiche ed effettuare tutti i lavori necessari per rispettare le norme in materia.

Per individuare il locale più in linea con le vostre aspettative occorre portare avanti una mirata indagine di mercato. Un’analisi del territorio per capire le reali chance di successo e anche la presenza in zona di eventuali concorrenti. Stare lontano dai concorrenti, soprattutto agli inizi, è sempre una buona scelta imprenditoriale.

Inoltre, passando all’aspetto puramente commerciale, allestire il negozio in maniera graziosa è molto utile per attirare le attenzioni dei clienti. L’occhio vuole la sua parte, una bella vetrina e una predisposizione funzionale e carina aiutano parecchio ad attirare la curiosità della gente. Tutti aspetti che invitano a dedicare molto tempo e pazienza alla ricerca della location più adatta al nuovo lavoro.

APRIRE UN TUTTO 50 CENTESIMI: BUROCRAZIA E CONSULENZA

Una volta messo a norma il locale e, rispettati tutti i requisiti di legge in materia di igiene e sicurezza, ci sono da fare altri passi per aprire un tutto 50 centesimi in piena regola. È necessario aprire la partita IVA presso l’Agenzia delle Entrate, registrarsi alla Camera di Commercio, regolarizzare le posizioni INPS e INAIL, comunicare al Comune l’inizio dell’attività e chiedere il permesso per esporre l’insegna.

Con la Comunicazione Unica di Impresa oggi è tutto più semplice perché con questa procedura telematica è possibile in totale sicurezza adempiere agli obblighi nei confronti dell’INPS, dell’INAIL, dell’Agenzia delle Entrate e della CCIAA locale più velocemente.

Nonostante lo snellimento burocratico però resta difficile fare tutto in autonomia, molto più opportuno affidarsi alla consulenza di un professionista. Vale a dire affidarsi a una persona con la preparazione adeguata per svolgere i compiti burocratici correttamente e senza perdite di tempo. Con tutti gli impegni da attenzionare al momento di aprire una nuova attività commerciale accollarsi anche le pratiche burocratiche non è la cosa migliore da fare.

Anche perché si tratta di una materia complessa che non va mai sottovalutata. Sbrigare tutta la documentazione burocratica senza le dovute competenze e l’esperienza necessaria è pressoché impossibile. Allora è molto più saggio non rischiare nulla e informarsi presso l’Ordine dei Dottori Commercialisti per affidarsi a un bravo professionista. Non vale la pena esporsi a perdite di tempo quando la soluzione più comoda è a portata di mano.

APRIRE UN TUTTO 50 CENTESIMI: CAMPAGNA PUBBLICITARIA

La visibilità di un’attività imprenditoriale non è garantita solo da una comoda e strategica location, ma per farsi conoscere da un gran numero di clienti non si può prescindere da una buona campagna pubblicitaria. Con la concorrenza attuale senza le strategie di marketing opportune non si va da nessuna parte, meglio saperlo in partenza.

Ecco perché gli sforzi vanno rivolti anche in questa direzione, investendo nella pubblicità impegno e denaro. In commercio capire fino in fondo l’importanza di una seria campagna promozionale è fondamentale per contrastare la concorrenza e accorciare la strada verso il successo.

Puntare su ogni mezzo pubblicitario lecito è dunque indispensabile per affermarsi sul mercato: sito web, social network, locandine, volantini e qualche passaggio radiotelevisivo sono tutti validi strumenti per farsi conoscere e fare conoscere i propri articoli. I mezzi non mancano, l’importante è saperli sfruttare e non lasciarsi prendere dalla fretta.

Capacità professionali e relazionali, cordialità, location ben posizionata e una buona campagna pubblicitaria sono elementi fondamentali per provare a ottimizzare i guadagni e far decollare una nuova attività commerciale. Diversamente, l’improvvisazione è solo la strada più rapida per vanificare i sacrifici fatti e il denaro investito.

In campo commerciale servono poche chiacchiere e molti fatti, per questo prima di provare a realizzare un progetto è di primaria importanza avere le idee chiare. Senza tali presupposti meglio lasciar perdere ogni iniziativa commerciale per non andare incontro a brutte sorprese. Dopo le ultime raccomandazioni, non resta che farvi un grosso in bocca al lupo per l’apertura della nuova attività commerciale!