Aprire un cupcake shop: tutto quello che devi sapere

Ogni anno al mondo vengono consumati milioni di dolciumi tanto da rendere l’industria dolciaria una tra le più prolifiche. Tra i prodotti più richiesti figura il cupcake, una mini torta posizionata in una tazza originaria dell’america, disponibili in vari gusti e colori. Questi particolari dolci vengono venduti in degli apposti locali, chiamati appunto cupcake shop (o bakery), dove vengono realizzati in maniera artigianale e poi venduti al dettaglio al pubblico.

APRIRE UN CUPCAKE SHOP: DI COSA SI TRATTA?

aprire un Cupcake shop

Aprire un cupcake shop è il sogno di tanti pasticceri e amanti dei dolci. Le origini del cupcake risalgono al XIX secolo nei paesi anglofoni (Regno Unito, Stati Uniti, Canada, Australia) dove il dolce si diffuse velocemente. La composizione originale prevedeva che il dolce fosse posizionato in una tazza in ceramica visto che ancora non erano stati inventati gli stampini e le carte da forno. All’epoca gli ingredienti utilizzati erano solamente il burro, lo zucchero, l’uovo e la farina e veniva realizzata una glassatura al di sopra, mentre all’interno veniva farcito con la crema.

Con il passare degli anni sono state realizzate decine di varianti: carrot cupcake, halloween cupcake, le varianti vegan, ai lamponi, multicolori e tante altre ancora. La massima diffusione di questo dolce e la crescente domanda ha fatto si che i locali predispoti alla vendita dei cupcake si diffondessero a macchia d’olio. Parliamo dei cupcake shop, o meglio ancora dei bakery, dove si servono e si producono cupcake secondo tradizione e nelle sue varianti moderne.

APRIRE UN CUPCAKE SHOP: QUANTO COSTA?

La domanda che gli aspiranti venditori di cupcake si fanno è la più semplice: quanto costa aprire un cupcake shop? prima di poter fornire una risposta bisogna analizzare alcune voci che possono influire nella determinazione dei costi. Innanzitutto è necessario scegliere con precisione e convinzione il luogo in cui avviare l’attività. Non è un passaggio banale e ricopre un ruolo fondamentale per le chance di successo del locale. Un posto trafficato e transitato molto probabilmente avrà un costo del canone d’affitto superiore rispetto ad un locale posizionato in un punto più isolato.

Se il locale scelto sarà già adibito allo svolgimento dell’attività, si risparmierà una cifra considerevole; altrimenti si dovrà provvedere all’adattamento della struttura tramite lavori in muratura, comunicazioni all’USL di competenza, e all’ottenimento delle varie autorizzazioni in merito. Una cifra che potrebbe rispecchiare la realtà in merito ai lavori dell’impianto elettrico, per le finiture interne e dei lavori idraulici ammonta a circa 10.000 euro; in più si dovrà sostenere il corso obbligatorio HACCP per il trattamento e la conservazione di alimenti.

Ovviamente per poter svolgere l’attività è necessario aprire la partita IVA, inviare le varie comunicazioni alla camera di commercio, presentare al comune la SCIA (comunicazione di inizio attività), determinare la forma giuridica dell’impresa e l’iscrizione obbligatoria agli istituti di previdenza sociale (INPS e INAIL).
Tutte queste voci hanno un costo che ovviamente farà lievitare la cifra utile da investire. 

APRIRE UN CUPCAKE SHOP: COME PORTARLO AL SUCCESSO

Ogni attività commerciale deve seguire determinati passi per poter ambire al successo e alla continua espansione della clientela. Adottare dei piccoli accorgimenti può garantire l’ambizioso obiettivo di incrementare le vendite e i conseguenti introiti. Come già affrontato precedentemente, il punto di apertura risulta strategico. Le dimensioni del locale non devono necessariamente essere spropositate; bensì devono contenere tutto ciò che il cliente chiede: prodotti gustosi e presenti in diverse varianti.

Specialmente agli inizi l’attività risulterà sconosciuta alla maggior parte delle persone. Per poter incrementare la clientela e il transito nel locale, si dovrà avviare una campagna pubblicitaria intelligente e mirata al target di riferimento. I social network mettono a disposizione strumenti di marketing utili per raggiungere tale obbiettivo, spesso anche in maniera gratuita. Il successo passa anche dalla qualità dei prodotti. Bisogna sempre mettere a disposizione del cliente i migliori ingredienti possibili.

Qualità è costo spesso vanno a braccetto. È vero quindi che un prodotto di alta qualità dovrà avere un prezzo di vendita consono, ma non dovrà essere eccessivo, almeno agli inizi. Ricopre un ruolo importante l’assunzione di personale qualificato e competente che sappia gestire il rapporto con i clienti e abbia una buona capacità di vendita. Professionalità e capacità da ricercare anche nei pasticceri e tutti coloro che sono coinvolti nella preparazione dei cupcake.

APRIRE UN CUPCAKE SHOP: CONVIENE?

Gettando un occhio al di là dei confini nazionali, i bakery hanno avuto un successo fenomenale. I locali aperti negli USA o nel Regno Unito sono giornalmente affollati di gente che pur di gustare un cupcake di qualità è disposta a fare la fila per ore. Ovviamente, come per tutte le attività commerciali, almeno agli inizi è difficile che ciò avvenga. La pubblicità e l’innovazione sono due elementi importantissimi per determinare la riuscita del cupcake shop.

Il rientro dalle spese di apertura solitamente avviene dopo 6/12 mesi, ma anche questo è un dato variabile. In Italia queste particolari pasticcerie stanno prendendo sempre più campo, aumentando così il numero di potenziali clienti. Un investimento calcolato in maniera ponderata può garantire un successo dal punto di vista imprenditoriale.