Aprire un boat and breakfast: tutto quello che devi sapere

Avatar

Aprire un Boat & Breakfast può essere un’impresa interessante per chi ama progetti fuori dal comune e vuole distinguersi sul mercato delle vacanza e dei soggiorni fuori casa. Questa innovativa formula di ospitalità consiste nell’attrezzare la imbarcazione ormeggiata in porto per poter ricevere ospiti alla stessa stregua di un hotel o di un bed & breakfast tradizionale.

L’idea è nata parecchi anni fa nel Nord Europa soprattutto in località lacustri e fluviali in cui è usanza lasciare le imbarcazioni ormeggiate presso banchine e moli di porti turistici. In città come Amsterdam e Stoccolma, il Boat & Breakfast è una realtà ormai consolidata e riscuote un buon successo, soprattutto tra i giovani che amano essere liberi dagli schemi.

Il dolce dondolio dell’acqua e la quiete notturna favorisce il senso di libertà e relax che ci si aspetta da una vacanza alternativa. Molto spesso al pernottamento e alla prima colazione vengono abbinati giri in barca per far conoscere i luoghi affacciati sullo specchio d’acqua.

Per quanto possa essere bello e intrigante, però, spesso ci si chiede: ‘Come aprire un Boat & Breakfast?’ La domanda può essere fonte di dubbi ed esitazioni per chi si lancia in questa nuova impresa. Ma, se la passione anima il desiderio di lavorare in un progetto che affascina, allora non ci sarà alcuna difficoltà a realizzare il sogno. Basta rivolgersi a professionisti che guideranno passo passo il cliente sulla strada giusta.

Ovviamente, bisogna possedere requisiti e autorizzazioni alla stessa stregua di ogni altra attività commerciale. La sicurezza delle persone va tutelata, infatti, attraverso procedure e verifiche che renderanno il pernottamento in barca un’esperienza unica ed irripetibile.

APRIRE UN BOAT AND BREAKFAST: ORGANIZZAZIONE DELL’IMBARCAZIONE

Aprire un boat and breakfast, quindi, è anche un vantaggio per chi possiede un’imbarcazione in quanto, noleggiandola per un pernottamento, riesce a coprire i costi dovuti all’ormeggio, alla manutenzione e alla gestione nei mesi invernali.

Gli ospiti che noleggiano la barca per dormire si aspettano di trovare un genere di comfort basilare ma comunque essenziale. Ovviamente, i costi di pernottamento aumentano con l’aumentare dello standard offerto al cliente. Molto dipende dalla barca e dalla sua dimensione. Il lusso, le coccole, i dettagli e le comodità hanno un prezzo.

Le piccole imbarcazioni possono essere noleggiate in formula Boat & Breakfast per due o tre persone e per coppie. Il comfort di trovarsi su una barca in intimità senza le formalità dell’hotel non ha prezzo. Le coppie amano questo genere di ospitalità, in quanto non c’è niente di più romantico che coccolarsi cullati dalle onde.

I servizi che bisogna offrire sono, come già detto in precedenza, il pernottamento e la colazione. A bordo è necessaria, però, tutta l’attrezzatura per rendere confortevole il soggiorno senza mancare di nulla. In genere, si preferisce far pernottare un numero esiguo di persone in contemporanea. In occasioni di manifestazioni, molti preferiscono sfruttarla meglio per dare la possibilità a tutti.

I bagni devono essere in numero proporzionato al numero di ospiti che possono pernottare nello stesso giorno. La biancheria da letto e da bagno deve essere pulita e fornita all’ospite insieme al necessario per la doccia e la toilette. Su molte imbarcazioni è possibile trovare anche la cucina da poter utilizzare per la preparazione dei pasti. Deve essere, poi cura del cliente lasciare tutto in ordine dopo aver cucinato.

Il resto, è un’esperienza entusiasmante che, se curata nei dettagli, può essere fonte di reddito sicuro e continuato. Il possessore dell’imbarcazione che vuole aprire un boat & breakfast dovrà poi organizzarsi con servizi accessori da proporre al cliente per attirare un maggior numero di ospiti e far fruttare l’impresa.

Per servizi si intende la possibilità di assumere uno skipper nel caso il cliente voglia fare un gita in barca oppure un cuoco che cucini sulla barca. Le proposte possono essere infinite e dipenderanno dalla voglia di mettersi in gioco in questa inusuale attività. Proprio come in un hotel tradizionale gli optional renderanno interessante il Boat & Breakfast.

APRIRE UN BOAT AND BREAKFAST: NORMATIVA DEL SETTORE

Per aprire un boat & Breakfast occorre fare riferimento al Codice della Nautica da diporto. In realtà, non esiste una vera e propria normativa che regoli quest’attività. Ma essendo comunque un’attività commerciale deve essere soggetta a determinate disposizioni che il commercialista aiuterà a far rispettare.

L’art. 2, infatti, afferma che le unità da diporto possono sono utilizzate con finalità commerciali quando sono oggetto di locazione o noleggio. In questo caso, prevede l’iscrizione presso l’Archivio Telematico Centrale delle Unità da Diporto (ATCN). Contestualmente va indicata l’attività che si intende svolgere e la forma d’impresa scelta, sia essa individuale che societaria. Tutto questo dopo aver registrato la stessa impresa presso la Camera di Commercio, Industria e Artigianato.

La legge, inoltre, fa la distinzione tra noleggio e locazione indicando le differenze tra i due tipi di contratto. Il noleggio consiste nell’impegno del noleggiatore di mettere a disposizione del noleggiante l’imbarcazione per un determinato periodo di tempo. L’imbarcazione rimane comunque a disposizione del proprietario e l’equipaggio alle sue dipendenze.

La locazione, invece, prevede di pagare un corrispettivo al locatore per aver godimento della barca. In questo caso, è il locatario ad assumersi tutte le responsabilità circa la navigazione e rischi che da essa possono derivare. Tutti i documenti devono essere in regola come il possesso si patente nautica, assicurazione e libretto di navigazione.

Per quanto riguarda la posizione nei confronti delle Agenzie delle Entrate c’è da dire che per il noleggio occasionale bisogna darne comunicazione. Allo stesso modo, bisogna dare comunicazione anche alla Capitaneria di Porto di competenza. In questi casi di noleggio occasionale dà la possibilità di pagare l’imposta sostituiva del 20% sui proventi se il contratto della durata inferiore ai 42 giorni.

Come si può notare non è una vera e propria normativa che spiega come aprire un boat & Breakfast. La regola generale, quindi, è quella di provvedere a ottenere tutte le autorizzazioni e fare in modo che le persone che soggiornano sull’imbarcazione lo facciano in sicurezza. I controlli sui dispositivi presenti sull’imbarcazione devono essere fatti con regolarità al fine di evitare incidenti. L’utilizzo di forni a microonde, fornelli, stufe di riscaldamento devono essere in perfetto stato.

 


  Comments: None

Commenta ora

Confermo di acconsentire al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 196/03 e dell'art. 13 del Regolamento UE 679/16 e di aver preso preso visione dell'informativa privacy.