Aprire un negozio di artigianato: tutto quello che devi sapere

Aprire un negozio di artigianato

Aprire un negozio di artigianato è ancora oggi una buona idea commerciale, dalla quale possono derivare enormi soddisfazioni personali e interessanti guadagni. Una maniera per valorizzare il proprio talento imprenditoriale attraverso una progettualità seria e corretta. Serve quindi un valido progetto per trasformare l’idea in una attività di successo, questo perché alla base di ogni iniziativa commerciale ci vogliono capacità imprenditoriali e relazionali, spirito di iniziativa, sacrifici e una somma di denaro tale da garantire l’avvio del nuovo lavoro.

Requisiti indispensabili per imporsi sul mercato e fare la differenza. La concorrenza non manca neanche nel campo dell’artigianato e la professionalità e la qualità dei prodotti proposti ai consumatori finali sono elementi determinanti per raggiungere i traguardi sperati. Inutile girarci intorno, fare le cose all’insegna dell’improvvisazione non porta da nessuna parte.

Quando non si hanno le idee sufficientemente chiare e non si conoscono bene le regole di mercato per dare avvio a una nuova attività commerciale, meglio abbandonare l’idea per non esporsi a rischi di precoci fallimenti. Di seguito vediamo nei paragrafi successivi quello che c’è da sapere per aprire un negozio di artigianato rispettando precise regole di mercato e burocratiche: location, finanziamenti agevolati, procedure burocratici e consigli finali.

APRIRE UN NEGOZIO DI ARTIGIANATO: LA LOCATION

Uno dei primi passi da fare per aprire un negozio di artigianato è individuare la location migliore e quella in perfetta linea con l’attività da avviare. Ai fini del successo di un’attività commerciale serve una location in un punto strategico, vale a dire posizionata in una zona altamente trafficata e ben collegata, un primo passo importante verso i traguardi positivi preventivati.

Occorre dunque trovare un locale ben visibile, comodo da raggiungere con mezzi privati e pubblici e magari con un ampio parcheggio. Caratteristiche essenziali per acquisire in tempi relativamente brevi un buon volume di affari.

Va da sé che una location estremamente strategica comporta la corresponsione di un canone di affitto più oneroso, ma vale la pena provare a trovarne una con certe caratteristiche piuttosto che accontentarsi di un negozio “nascosto” in un luogo periferico. In questi casi, investire meno, significa pregiudicare il buon rendimento dell’attività commerciale. Date importanza, inoltre, anche all’aspetto del locale, a partire dalla pulizia, dalla luminosità e da una disposizione della merce che faciliti la ricerca dei prodotti da parte dei clienti.

Tornando alla posizione della location, si consiglia un’indagine di mercato portata avanti con la massima scrupolosità. Un’analisi profonda del territorio per conoscere il bacino di utenza, il flusso dei potenziali clienti e la presenza nelle vicinanze di eventuali competitors. Avviare una nuova attività in una zona non servita per niente o poco servita dalla commercializzazione dei prodotti che si vogliono offrire ai clienti è sempre più conveniente. La concorrenza si può battere con la qualità dei servizi e della merce proposta, ma è sempre più difficile affermarsi in una zona già coperta da un concorrente.

APRIRE UN NEGOZIO DI ARTIGIANATO: FINANZIAMENTI AGEVOLATI

Avviare un’attività generalmente comporta un investimento iniziale piuttosto impegnativo e purtroppo non sempre le idee imprenditoriali sono supportate da sufficienti risorse economiche. Spesso proprio la mancanza di fondi porta ad abbandonare definitivamente il progetto imprenditoriale. Prima però di lasciar perdere troppo frettolosamente il progetto è bene sapere che esistono i canali giusti per reperire le risorse finanziarie necessarie.

Stiamo parlando dei famosi finanziamenti agevolati previsti per determinati settori e per precise categorie di soggetti quali donne, giovani e disoccupati. Forme di finanziamento vantaggiose per tassi di interesse e piani di rimborso, da attenzionare con una frequente consultazione dei siti regionali. Collegandosi con questi siti ufficiali e consultando le sezioni dedicate ai finanziamenti è possibile aggiornarsi sui tempi, sulle somme disponibili, sui requisiti di accesso e su tutte le altre informazioni utili.

Siti regionali a parte, si consiglia anche la costante consultazione dell’Agenzia Nazionale per lo sviluppo di impresa (INVITALIA), un altro canale utile per conoscere eventuali finanziamenti. In alternativa resta sempre in piedi l’ipotesi di condividere la propria idea con un socio disposto a investire soldi e capacità professionali.

Una scelta, quest’ultima, che chiaramente comporta una limitazione nelle scelte e una divisione di compiti e guadagni, ma comunque da valutare attentamente. Tutte strade da percorrere prima di lasciare cadere il progetto imprenditoriale troppo presto, senza aver fatto nessun tentativo per reperire le somme sufficienti ad avviare il negozio di artigianato.

APRIRE UN NEGOZIO DI ARTIGIANATO: PROCEDURE BUROCRATICHE

Dal punto di vista burocratico il negozio di artigianato non fa eccezione, anche in questo caso l’avvio dell’attività richiede precise procedure burocratiche. Passaggi importanti quali l’apertura della partita IVA presso l’Agenzia delle Entrate, l’iscrizione al Registro delle Imprese presso la Camera di Commercio e la Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) al Comune competente. Un altro aspetto da non trascurare è legato ai permessi da ottenere dagli uffici competenti in merito all’idoneità dei locali, permessi che verranno rilasciati solo dopo specifici approfonditi controlli.

Seguire tutti gli adempimenti da fare per ultimare correttamente e in tempi accettabili le procedure burocratiche non è propriamente un compito semplice. I documenti da presentare e i permessi da ottenere sono numerosi, senza una profonda conoscenza della materia è praticamente impossibile assolvere a tutti gli adempimenti. Per tale ragione si suggerisce il ricorso alla consulenza di un bravo professionista, un commercialista esperto della materia in grado di garantirvi il corretto disbrigo delle pratiche.

Rivolgersi a un buon commercialista non significa solamente mettersi al riparo da eventuali errori, ma anche la possibilità di ricevere preziosi consigli sulle scelte da fare. Alla luce di queste considerazioni appare chiara la convenienza di far riferimento a un commercialista, meglio cioè investire qualche euro in più e vivere il momento con maggiore serenità. Perché allora rischiare quando basta interpellare l’Ordine dei Dottori Commercialisti per trovare una valida soluzione ai complessi problemi burocratici?

APRIRE UN NEGOZIO DI ARTIGIANATO: ULTIMI CONSIGLI

Oggi l’attenzione verso l’artigianato da parte di una buona fetta di italiani continua ad essere molto alta, un motivo in più per provare a concretizzare il progetto commerciale in questione. Con tutte le problematiche occupazionali legate al lavoro dipendente, in Italia, nonostante la crisi finanziaria non sia stata ancora superata totalmente, mettersi in proprio può risultare un’idea vincente. Un progetto da trasformare in un’attività di successo curando tutti gli aspetti fino ai minimi dettagli e assicurando alla propria attività la massima visibilità.

La pubblicità è l’anima del commercio, non si può pensare di aprire un negozio di artigianato non tenendo conto di una promozione efficace. In questa logica si consiglia una pubblicità a 360 gradi, che tenga cioè in debita considerazione tutti gli strumenti a disposizione per farsi conoscere dai clienti. Bisogna incentrare tutti gli sforzi per sviluppare una pubblicità efficace attraverso radio e tv locali, giornali, riviste specializzate e le nuove forme di promozione.

Relativamente a queste ultime il riferimento naturale è al mondo online, per farsi conoscere il sito web e i social network sono mezzi di informazione indispensabili. Un sito web fatto bene e indicizzato a dovere contribuisce notevolmente ad arrivare in breve tempo a un buon numero di potenziali clienti.

Un occhio particolare anche alle fiere e a tutte le altre manifestazioni organizzate dagli enti locali, un’altra maniera efficace per dare visibilità al negozio. Dopo gli ultimi utili consigli, non resta che farvi un grosso in bocca al lupo per l’apertura del vostro negozio di artigianato!

 

 

  Comments: None

Commenta ora

Confermo di acconsentire al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 196/03 e dell'art. 13 del Regolamento UE 679/16 e di aver preso preso visione dell'informativa privacy.