Aprire un negozio di abiti da sposa: tutto quello che devi sapere

aprire un negozio di abiti da sposa

Aprire un negozio di abiti da sposa è un intraprendente e romantico progetto commerciale, perché da sempre l’abito da sposa è considerato l’oggetto del desiderio di un sogno d’amore. Qualunque donna, fin dall’età giovanile, insegue il sogno del matrimonio e il giorno in cui finalmente indosserà il suo abito con file di strass e intrecci di perline. Quello dei matrimoni è uno dei pochi settori commerciali che solo marginalmente ha conosciuto la crisi, proprio perché il matrimonio è un evento importante per migliaia di coppie che vedono in quel giorno l’inizio di una nuova vita. Ecco il motivo per cui aprire questo genere di attività e vendere e realizzare abiti su misura può risultare una scelta imprenditoriale di grande successo.

Come quando si stanno per avviare altre attività commerciali, anche in questo caso prima di qualunque passo è una buona cosa fare luce su ciò che serve per realizzare il progetto che si ha in mente. Innanzitutto occorre un capitale da investire inizialmente, oltre a tanta buona volontà, spirito di iniziativa, intraprendenza e conoscenze del campo. Allora vediamo i passaggi chiave da seguire per avviare un negozio di abiti da sposa: tutto quello che c’è da sapere, dal locale all’attività pubblicitaria.

APRIRE UN NEGOZIO DI ABITI DA SPOSA: CON O SENZA LABORATORIO SARTORIALE

Aprire un negozio con o senza laboratorio sartoriale è una scelta importante su cui porre la massima attenzione, perché anche da questa decisione potrebbero dipendere i vostri successi futuri. In questo campo infatti si può scegliere di avviare un negozio che si limita alla commercializzazioni di abiti da sposa già realizzati oppure di aprire un atelier completo di un laboratorio sartoriale per realizzare abiti su misura (attività artigianale).

Naturalmente è più semplice dare avvio a un’impresa commerciale per vendere abiti da sposa già realizzati, sono sufficienti un buon budget, intuito commerciale e senso degli affari. Viceversa, aprire un atelier con il laboratorio sartoriale vi consentirà di rispondere meglio alle singole esigenze dei clienti e di conquistare un giro di affari più ampio, ma la cosa richiede competenze specifiche maggiori.

In entrambi i casi la professionalità, l’esperienza e un continuo aggiornamento sono solidi pilastri su cui basare la propria attività. E’ di grande importanza prendere parte alle fiere e frequentare i corsi professionali di settore per tenersi costantemente aggiornati sui nuovi modelli di tendenza. Infatti, anche in questo settore la concorrenza non manca e si fa sentire forte, quindi il segreto è non restare indietro e proporre alla clientela gli abiti da sposa più in voga. Le ultime novità hanno sempre attirato la curiosità dei clienti, anche se naturalmente il prezzo di mercato sale parecchio.

APRIRE UN NEGOZIO DI ABITI DA SPOSA: IL LOCALE

Diversamente da altre attività imprenditoriali, la zona in questo caso è meno determinante per il successo futuro. A fare la differenza, quando si tratta di un negozio di abiti da sposa, è il passaparola: il parere positivo delle spose conta più di tante altre cose e funge da vera e propria campagna promozionale per il vostro negozio. A prescindere dall’ubicazione del negozio quindi, conta molto il parere della gente per spalancarvi le porte del successo e del guadagno. Chiaramente questo non significa che un posto isolato sia meglio di un luogo con un’alta densità di traffico.

Ma veniamo ora alle dimensioni del locale, per aprire un negozio di abiti da sposa in linea di massima potrebbe bastarne uno di 140/150 metri quadrati. L’importante è mettere a disposizione della clientela un’adeguata area di accoglienza, una parte del locale da destinare all’esposizione degli abiti e due/tre sale prova con pedana e specchi.

Con metrature maggiori è possibile ampliare l’offerta con la vendita di abiti da cerimonia, abiti da battesimo e vestiti per damigelle. Il tutto, spazio permettendo, andrebbe corredato da vari accessori quali corone, fasce, scarpette, etc. L’investimento per un locale di dimensioni maggiori comporterà un investimento più alto, ma anche una risposta del pubblico corrispondente all’offerta. Trattandosi poi di un locale per abiti da sposa l’estetica è un aspetto da curare particolarmente, per regalare ai clienti un colpo d’occhio all’altezza della situazione. In parole semplici, se una ragazza prossima al matrimonio passa dalle vostre parti deve essere invogliata ad entrare nel negozio e guardare i vestiti in vendita.

APRIRE UN NEGOZIO DI ABITI DA SPOSA: POSSIBILITA’ DI GUADAGNO

Come per altri settori commerciali, anche per il campo degli abiti da sposa non è mai una cosa semplice prevedere con esattezza le future entrate. Tanto dipende dalla vostra competenza e dall’unicità del vostro negozio, dai servizi prestati, dal vostro talento e dalle singole capacità imprenditoriali. I prezzi degli abiti da sposa sono indubbiamente alti e chi entra nel vostro negozio sa di dover affrontare dei costi diversi da quelli quotidiani. Ecco perché per avere successo in questa attività occorre sapere imporre il marchio, lasciando sul mercato una traccia ben precisa. Commercializzare abiti da sposa come chiunque altro non vi renderà mai unici e ridurrà di parecchio le possibilità di capitalizzare al massimo i sogni e il denaro investito.

APRIRE UN NEGOZIO DI ABITI DA SPOSA: PASSAGGI BUROCRATICI

Per aprire un negozio di abiti da sposa occorrono alcuni indispensabili passaggi burocratici: apertura della partita IVA, Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA), iscrizioni al Registro delle Imprese, all’INPS e all’INAIL. Per aprire la partita IVA bisogna inviare la domanda, correttamente compilata in tutte le sue parti, all’Agenzia delle Entrate. L’istanza può essere trasmessa telematicamente, presentata a mano oppure inviata tramite raccomandata con ricevuta di ritorno. Ricordiamo che è possibile scaricare il modello anche direttamente dal sito ufficiale dell’Agenzia delle Entrate: www.agenziaentrate.gov.it.

Fatto questo, altri passi importanti da fare sono la presentazione della SCIA al Comune, l’iscrizione al Registro delle Imprese presso la CCIAA, e le iscrizioni all’INPS e all’INAIL. Di particolare rilevanza è l’iscrizione all’Istituto Nazionale Previdenza Sociale, utile per effettuare i versamenti contributivi previsti dalle norme vigenti. Così come è importante l’iscrizione all’Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro e le malattie professionali, un modo per avere la giusta tutela nei casi di infortunio sul lavoro.

Tutti adempimenti necessari e non facili da seguire, soprattutto quando non si hanno le competenze adatte. Per questo è molto meglio farsi seguire passo passo da un valido commercialista, un professionista esperto del settore in grado di sbrigare tutte le pratiche correttamente e accelerare i tempi. Un modo anche per vivere un momento così delicato come quello di aprire un negozio di abiti da sposa con maggiore serenità e con la certezza di non commettere gravi errori. Per trovare un commercialista qualificato non serve fare gli straordinari, basta chiedere un po’ in giro a qualche parente o affidarsi direttamente all’Ordine dei Dottori Commercialisti della zona di interesse.

APRIRE UN NEGOZIO DI ABITI DA SPOSA: CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

Per avere successo con un negozio di abiti da sposa bisogna dare grande importanza anche all’attività promozionale. Oggi non è difficile promuovere il proprio negozio con i moderni mezzi di informazione: web e social network in questa logica danno una grossa mano. Questo però non significa trascurare i vecchi strumenti pubblicitari come TV, radio, riviste, quotidiani, etc., sempre comunque ottimi mezzi per promuovere ogni attività commerciale. Inoltre, come visto in precedenza, partecipare alle fiere è di fondamentale importanza per far conoscere i propri abiti da sposa a un buon numero di potenziali clienti. Una volta dati questi ultimi validi suggerimenti, non resta che augurarvi buona apertura e un grosso in bocca al lupo per la nuova attività!

 

  Comments: 2

Commenti

  Commenti: 2

  1. Nadia Radogna


    Vorrei aprire un negozio di abiti da sposa . Vorrei sapere che marchi avete?

Commenta ora

Confermo di acconsentire al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 196/03 e dell'art. 13 del Regolamento UE 679/16 e di aver preso preso visione dell'informativa privacy.