Aprire un forno crematorio: tutto quello che devi sapere

aprire un forno crematorio

In tempi di crisi, sono sempre di più coloro che decidono di mettersi in proprio e di individuare un percorso imprenditoriale attraverso il quale riuscire a garantirsi un reddito certo. A tale riguardo, è bene tenere conto del fatto che quella di aprire un forno crematorio potrebbe essere un’ipotesi decisamente molto remunerativa.

Pur essendo un’attività a cui non si pensa immediatamente quando si ha l’idea di mettersi in proprio, è utile precisare che in questo caso si ha a che fare con un’impresa che, almeno in potenza, ha tutte le carte in regola per far guadagnare e non poco. Ma quali sono le normative di riferimento e come fare per riuscire ad aprire un forno crematorio in tempi rapidi?

APRIRE UN FORNO CREMATORIO: CONSIGLI E SUGGERIMENTI UTILI

Nell’ultimo periodo, sono sempre di più le famiglie dei cari estinti che decidono di procedere con la cremazione. Addirittura, in molti casi sono proprio i defunti che prima di passare a miglior vita hanno lasciato detto a parenti o amici o hanno scritto nel proprio testamento di essere cremati. Come è facile intuire, questa alternativa può rappresentare un’idea di impresa particolarmente fruttuosa e, stando alle statistiche, pare addirittura che i numeri siano destinati a crescere.

Quando si parla di forni crematori è anche utile tenere conto del fatto che si ha a che fare con una soluzione molto utile per evitare lo sfruttamento eccessivo di suolo. Proprio i cimiteri, infatti, rappresentano una problematica molto importante nella gestione dei territori e non possono di certo espandersi all’infinito.

I forni crematori, pertanto, se, da una parte, rappresentano un’alternativa che offre la possibilità a chiunque di smaltire il proprio corpo come meglio crede dopo la morte, dall’altra sono una soluzione eco-sostenibile di non poco conto. Considerare la cremazione come una forma ecologica di smaltimento del corpo di un defunto, pertanto, non è affatto sbagliato.

Ciò vale ancor di più se si ha intenzione di avviare una simile attività tenendo conto di tutte le normative vigenti in fatto di rispetto dell’ambiente. Per tale ragione, prima di avventurarsi in una simile impresa è bene informarsi in maniera puntuale al fine di optare per la soluzione migliore.

INFORMAZIONI PRATICHE

Tutti coloro che hanno intenzione di aprire un forno crematorio devono assolutamente tenere conto del fatto che ogni macchinario deve ridurre ai minimi termini le emissioni. Ciò, molto semplicemente, al fine di tutelare l’ambiente e di rendere il forno crematorio non inquinante. La cosa migliore da fare, poi, sarebbe quella di riuscire a rendere l’impianto autonomo.

In questo caso, la cosa migliore da fare è quella di optare per i cosiddetti accumulatori di energia attraverso i quali si ha la possibilità di sfruttare l’energia immagazzinata. A tale riguardo, è opportuno precisare che i forni crematori hanno la possibilità di accumulare energia molto semplicemente durante il processo di cremazione. In buona sostanza, con una cremazione si ha la possibilità di alimentare la successiva senza alcun genere di problema.

Da non sottovalutare è, poi, la necessità di rispettare in maniera a dir poco scrupolosa le normative di riferimento sia nazionali che europee e tenere conto degli standard di sicurezza di base. Una altro aspetto di cui tenere conto riguarda, poi, il costo del servizio. Per essere competitivi, infatti, bisogna assolutamente cercare di offrire il miglior servizio ad un prezzo competitivo.

Solo in questo modo si avrà la possibilità di ottenere clienti e riuscire a mettersi in competizione con le altre attività che operano nel medesimo settore e che, magari, hanno più esperienza e sono più conosciute in tale ambito.

LE ALTERNATIVE POSSIBILI

Come per ogni altro genere di attività, la cosa migliore da fare prima di cimentarsi nell’avvio è bene consultare sia un esperto del settore che un commercialista. In questo modo, si avrà la possibilità di evitare di dover fare i conti con spiacevoli conseguenze già nel breve periodo. Chi ha deciso di aprire un forno crematorio lo potrà fare sia optando per un franchising che mettendosi in proprio e aprendo un’attività ex novo.

Di sicuro, l’opzione del franchising è la migliore per chi non ha alcun genere di esperienza nel settore. Grazie al franchising, infatti, si ha la possibilità di godere del sostegno dell’azienda in ogni fase di lavoro. Questo, come è facile intuire, rappresenta un valore aggiunto niente affatto indifferente. Tra le altre cose, con il franchising si ha anche la possibilità di godere dell’utilizzo di macchinari senza dover sostenere l’investimento in solido.

I vantaggi del franchising sono davvero moltissime, quindi. Di contro, però, è bene tenere a mente che optando per questa soluzione si ha l’obbligo di pagare una fee che può essere di varia entità. Per questo motivo, prima di sottoscrivere ogni genere di contratto è bene informarsi in maniera scrupolosa, evitando di dover fare i conti con fraintendimenti quando è troppo tardi.

L’iniziativa imprenditoriale autonoma, invece, è perfetta per chi ha un minimo di esperienza nel settore e ha la possibilità di investire una cifra importante. Di sicuro, in questo caso si ha a che fare con un’operazione più rischiosa che, però, alla lunga potrebbe rivelarsi molto più remunerativa.

 

  Comments: 23

Commenti

  Commenti: 23


  1. Salve sarei inteessato al apertura di un forno crematorio, ma nn conosco ne la normativa e nnon conosco neanche quali siano i costi da dover sostenere..
    Voler fare un Por per questo tipo di attività é possibile???


  2. salve , sarei interessato, info a riguardo??

  3. Alice Dalla Vecchia


    Buongiorno è possibile avere informazioni dettagliate per l’apertura di un forno crematorio sia in franchising che tramite capitale privato? Differenze di costo? Siamo in Veneto nello specifico in provincia di Vicenza

    Grazie


  4. Buongiorno, vorrei sapere alcune informazioni sui costi di realizzazione e di gestione. Io sono in provincia di Trento. Grazie


  5. Salve , per info posso chiamare al numero 02/9464246 o tramite e.mail ?


  6. Buonasera, vivo in provincia di Roma ed ho intenzione di aprire un forno crematorio sia in proprio o in franchising. Posso avere informazioni dettagliate?
    Grazie.
    Osvaldo Gilardi

  7. GIULIO DI MASCIO


    Buonasera, sono il Sig. Di Mascio Giulio e sono interessato all’apertura di un forno crematorio nella provincia di Frosinone, gradirei avere un appuntamento per informazioni sulle pratiche da espletare. Cordialità Giulio Di Mascio

Commenta ora

Confermo di acconsentire al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 196/03 e dell'art. 13 del Regolamento UE 679/16 e di aver preso preso visione dell'informativa privacy.