Vediamo Come Aprire Un’Azienda Alle Canarie!

aprire un'azienda alle Canarie

Come aprire un’azienda alle Canarie: Quali sono i vantaggi? E il mercato immobiliare?

Le Isole Canarie sono un arcipelago spagnolo noto non solo per le sue affascinanti spiagge dorate e il clima mite, ma anche come un hub emergente per gli imprenditori, specialmente quelli italiani. Ma cosa rende queste isole un luogo così attraente per avviare un’attività? La chiave sta nel loro favorevole regime fiscale.

Le Canarie offrono una serie di incentivi fiscali che le rendono una destinazione ideale per gli imprenditori che cercano di massimizzare i loro profitti riducendo al contempo la loro esposizione fiscale. Questi vantaggi fiscali sono il risultato di specifiche normative e regimi fiscali che sono stati messi in atto per promuovere gli investimenti e la crescita economica nell’arcipelago.

In questo articolo, andremo più nello specifico su alcuni aspetti importanti relativi a come aprire un’azienda alle Canarie, tra cui:

  • Forme giuridiche per avviare un’attività
  • Vantaggi fiscali per le aziende alle Canarie
  • L’imposta sul reddito delle persone fisiche
  • Il mercato immobiliare alle Canarie

Forme giuridiche su come aprire un’azienda alle Canarie

Prima di aprire un’azienda alle Canarie, è fondamentale comprendere le diverse forme giuridiche disponibili e come ciascuna può influenzare la tua attività. Esistono quattro principali forme giuridiche:

  1. Società a Responsabilità Limitata (SL): Ideale per piccole e medie imprese, richiede un capitale minimo di 3.000 euro per la sua costituzione.
  2. Società a Responsabilità Limitata di Nuova Creazione (SLNE): Una variazione della SL, progettata per facilitare la creazione di nuove imprese con un processo di costituzione più semplice.
  3. Società Anonima (SA): Adatta per grandi imprese, richiede un capitale minimo di 60.000 euro.
  4. Autonomo: L’opzione ideale per chi desidera operare come freelance o professionista autonomo, senza la necessità di un capitale iniziale.

 

Vantaggi fiscali per aprire un’azienda alle Canarie

Un aspetto cruciale per chi sta considerando di aprire un’azienda alle Canarie è la comprensione del sistema fiscale del luogo. Le società con sede legale in Spagna sono generalmente soggette a una tassazione del 25% sui profitti. Tuttavia, alle Canarie, esistono due principali incentivi fiscali:

  1. Zona Speciale Canaria (ZEC): Le imprese che operano nella ZEC possono beneficiare di un tasso d’imposta sul reddito ridotto al 4%, a condizione che creino almeno 5 posti di lavoro nel primo anno e investano almeno 100.000 euro in attività fisiche e materiali locali.
  2. Riserva per gli Investimenti nelle Canarie (RIC): Questo incentivo permette alle imprese di detrarre fino al 90% degli utili reinvestiti nelle Canarie dall’imposta sul reddito, offrendo così significative detrazioni fiscali.

 

Le imposte sul reddito delle persone fisiche alle Canarie

Quando si parla di aprire un’azienda alle Canarie, oltre alle considerazioni legate alla tassazione aziendale, è fondamentale comprendere anche le implicazioni fiscali a livello personale. Le Isole Canarie, pur essendo parte della Spagna, presentano alcune peculiarità nel loro sistema fiscale, rendendole particolarmente attraenti per gli imprenditori e i residenti.

L’IRPF: l’imposta per i residenti

L’Impuesto sobre la Renta de las Personas Físicas (IRPF) è l’imposta principale che i residenti delle Canarie devono affrontare. Si tratta di un’imposta progressiva, il cui tasso varia in base al reddito del contribuente. Le aliquote sono strutturate come segue:

  • 19% per redditi inferiori a 12.450 euro.
  • 24% per redditi che vanno da 12.451 euro fino a 20.200 euro.
  • 30% per redditi che vanno da 20.201 euro fino a 34.000 euro.
  • 45% per redditi che superano i 60.000 euro.

Queste aliquote sono state stabilite per garantire che chi guadagna di più contribuisca in modo più significativo al sistema fiscale, mentre chi guadagna di meno ha un onere fiscale proporzionalmente inferiore.

L’IRNR: l’imposta per i non residenti

Per coloro che non hanno la residenza fiscale alle Canarie ma vi generano reddito, si applica l’Impuesto sobre la Renta de No Residentes (IRNR). Questa imposta ha un tasso fisso del 19%. È importante notare che, a differenza dell’IRPF, l’IRNR non è progressiva e non varia in base al reddito.

In aggiunta all’IRNR, esiste l’Imposta sulla Ricchezza. Questa tassa viene applicata a coloro che, pur essendo residenti fiscali alle Canarie, possiedono un patrimonio netto di oltre 700.000 euro. La casa principale è esclusa da questa tassazione fino a un valore di 300.000 euro. L’aliquota di questa imposta varia dallo 0,2% al 2,5%, a seconda del valore totale del patrimonio.

 

Il mercato immobiliare alle Canarie: Opportunità e Fiscalità

Le Isole Canarie, con il loro clima mite e le affascinanti spiagge, sono da tempo una destinazione ambita non solo per i turisti, ma anche per gli investitori immobiliari. Aprire un’azienda alle Canarie spesso va di pari passo con l’acquisto di proprietà, sia come sede aziendale che come residenza. Ecco una panoramica dettagliata del mercato immobiliare canario e delle relative implicazioni fiscali.

Acquisto di proprietà: Tasse e Imposte

L’acquisto di un immobile alle Canarie rappresenta un’opportunità di investimento allettante. Tuttavia, è fondamentale essere a conoscenza delle tasse e delle imposte associate:

  1. Impuesto sobre Transmisiones Patrimoniales (ITP): Questa è l’imposta di trasferimento patrimoniale che l’acquirente di un immobile è tenuto a pagare. Ha un tasso standard del 6,5%, calcolato sul prezzo di acquisto dell’immobile. È una tassa one-off che si paga al momento dell’acquisto.
  2. Impuesto sobre Bienes Inmuebles (IBI): Questa tassa è simile all’IMU in Italia. Si tratta di una tassa annuale basata sul valore catastale dell’immobile. Il tasso varia a seconda del comune in cui si trova la proprietà, ma è generalmente una percentuale del valore catastale.
  3. Tassa sulla raccolta dei rifiuti: Questa è un’altra tassa annuale che varia a seconda del comune. Copre i servizi di raccolta e smaltimento dei rifiuti.

Tassazione dei redditi fondiari

La tassazione dei redditi derivanti da proprietà immobiliari alle Canarie varia a seconda della residenza fiscale del proprietario:

  • Residenti: Sono tassati secondo una scala progressiva. Questo significa che l’aliquota fiscale applicata aumenta man mano che aumenta il reddito derivante dalla proprietà.
  • Non residenti: Sono soggetti a un’imposta fissa del 19% sui redditi fondiari.

In caso di vendita di un immobile, la plusvalenza (ovvero la differenza tra il prezzo di vendita e il prezzo di acquisto) viene tassata come reddito da capitale. Tuttavia, se i proventi della vendita vengono reinvestiti nell’acquisto di una nuova proprietà entro i successivi 2 anni, il venditore può essere esentato dal pagamento delle imposte sulla plusvalenza.

 

Se vuoi approfondire il tema e prenotare una consulenza, CLICCA QUI!

Se vuoi approfondire il tema “Aprire un’azienda alle Canarie” guarda questo video.

  Comments: None

Commenta ora

Confermo di acconsentire al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 196/03 e dell'art. 13 del Regolamento UE 679/16 e di aver preso preso visione dell'informativa privacy.