Aprire un autolavaggio: tutto quello che devi sapere

Aprire un autolavaggio in franchising

Portare avanti un’idea imprenditoriale non è mai stata un’operazione facile, oggi però è più complicato alla luce della criticità della situazione economica. I buoni propositi spesso continuano ad essere frenati dalle mille paure, timori originati dalla scarsa fiducia nelle possibilità di successo dell’attività commerciale. Per questo motivo molte persone non portano a termine le loro ambiziose idee, non trasformando mai i loro sogni in realtà. Altre, invece, credono ancora forte nell’idea imprenditoriale e nella possibilità di trasformarla in un progetto fattibile e vantaggioso economicamente. L’importante prima di fare ogni passo è sapere come muoversi, possedere alcune doti caratteriali e un budget iniziale da poter investire nell’attività imprenditoriale. Inoltre, naturalmente, la scelta dell’attività su cui investire deve dipendere anche dalle proprie attitudini, aprire un’attività che non si conosce per niente non sarebbe un buon punto di partenza. Una buona intuizione, visto l’alto numero di auto che circola sul territorio italiano, potrebbe essere quella di aprire un autolavaggio. La maggior parte di noi tiene particolarmente ad avere la propria auto in ordine e pulita, per questa ragione con ragionevole continuità ci rivolgiamo ad un autolavaggio. Ma come fare per aprire un autolavaggio? Naturalmente per farlo e dare avvio a questa attività è necessario seguire alcuni indispensabili passaggi, con questa guida appunto analizzeremo tutto quello che c’è da sapere per aprire un autolavaggio. Allora vediamo qui di seguito i passi da fare, facendo attenzione a tutti gli aspetti della questione.

APRIRE UN AUTOLAVAGGIO: DECIDETE COSA FARE

Prima di aprire il proprio autolavaggio è importante avere le idee chiare: autolavaggio a mano o automatico? Fare chiarezza su questo aspetto vi aiuterà a capire anche la somma di denaro da dover investire. Questo perché un lavaggio delle auto a mano richiede una strumentazione semplice e un investimento contenuto, mentre con un lavaggio automatico salgono notevolmente i costi. Una decisione importante che non dovrà dipendere solo dall’aspetto economico, ma da altre considerazioni. Un lavaggio a mano richiede sì un impegno economico più basso ma, in questo modo, generalmente per ripulire un’auto occorrono 35/40 minuti perché trattasi di un’attività lenta rispetto ad un autolavaggio completamente automatico. Altro elemento da considerare per un buon giro di affari di clienti è la qualità e la molteplicità dei prodotti da utilizzare per pulire le automobili. Quindi serve una particolare attenzione anche alla scelta dei fornitori, che devono essere affidabili e capaci di offrire prodotti di prima qualità.

APRIRE UN AUTOLAVAGGIO: LA SCELTA DEL LUOGO

Una volta fatta chiarezza sul tipo di autolavaggio e sui prodotti da usare, la concentrazione deve essere diretta alla scelta del posto destinato all’attività di autolavaggio. Per aprire un autolavaggio il posto è determinante, in quanto per tale attività servono diversi spazi da destinare al lavaggio della carrozzeria, alla pulizia interna dell’auto, al parcheggio, etc. In pratica non è difficile ipotizzare una superficie vicino ai 1400/1500 mq per autolavaggio di media grandezza. Proprio la disponibilità di una superficie piuttosto grande richiede un dispendio di tempo e denaro considerevoli, una maniera per curare nei minimi particolari un aspetto così importante.

Chiaramente le attenzioni non devono cadere esclusivamente sulle dimensioni della superficie ma, generalmente, un autolavaggio va aperto nei pressi di grandi distributori di carburante e nelle vicinanze di grossi centri commerciali. Luoghi molto trafficati dagli automobilisti e in grado di garantire una certa visibilità al vostro autolavaggio. Viceversa, aprire un autolavaggio e non tener conto del contesto territoriale, potrebbe compromettere l’intera attività ed esporsi a rischio fallimento. Ecco perché è molto importante la scelta del posto da destinare al proprio autolavaggio, da questa scelta potrebbero infatti dipendere i vostri guadagni.

APRIRE UN AUTOLAVAGGIO: LA BUROCRAZIA

Anche quando si tratta di aprire un autolavaggio bisogna fare i conti con alcuni adempimenti burocratici. Occorre cioè il disbrigo di pratiche amministrative propedeutiche all’apertura dell’autolavaggio. Differentemente da altre attività, per aprire un autolavaggio bisogna presentare all’ufficio tecnico del Comune territorialmente competente un progetto con cui vengono descritti in modo chiaro alcuni punti: smaltimento delle acque usate, conformità dei macchinari e la valutazione dell’impatto acustico. Una volta ottenuta l’approvazione del progetto e i permessi del caso sono necessarie l’apertura della partita IVA presso l’Agenzia delle Entrate e l’iscrizione alla Camera di Commercio.

Per aprire la partita IVA bisogna avvalersi dei modelli messi a disposizione dalla stessa Agenzia e reperibili direttamente presso gli sportelli oppure consultando il sito ufficiale. I moduli per fare domanda sono diversi in base alla categoria di appartenenza e vanno consegnati a mano presso lo sportello dell’Agenzia delle Entrate, spediti con raccomandata con ricevuta di ritorno oppure inviati telematicamente. Per l’invio online bisogna possedere le personali credenziali di accesso, senza le quali sarà impossibile utilizzare il canale telematico. Per non rischiare di vedere andare in fumo i vostri sogni e i vostri investimenti, specie quando non si ha tempo e competenza per agire in autonomia, il suggerimento è quello di affidarvi a un esperto del settore. Un commercialista qualificato capace di sbrigare le pratiche correttamente, senza inutili perdite di tempo e in grado pure di stilare un preciso piano economico. Con la burocrazia il pericolo di commettere qualche errore è sempre dietro l’angolo, allora perché rischiare e non affidarsi a un buon commercialista?

APRIRE UN AUTOLAVAGGIO: LA POSSIBILITA’ DEL FINANZIAMENTO

Non tutti hanno a disposizione la somma di denaro utile per aprire un’attività, questo però non deve rappresentare una preclusione perché è possibile ricorre a un prestito presso uno dei tanti istituti finanziari. In giro non mancano le possibilità di ottenere un finanziamento a condizioni favorevoli, a patto che non si abbia fretta di concludere l’operazione velocemente. Prima di scegliere il finanziamento più conveniente serve una scrupolosa indagine di mercato per capire le offerte migliori.

Consultando il web e attraverso l’uso dei comparatori online è possibile confrontare i diversi preventivi in tempi piuttosto brevi e avere un quadro completo della situazione. Dopo aver confrontato un bel numero di offerte tutto risulterà più facile e potrete scegliere il finanziamento con maggiori certezze. Attenti pero, comparare le offerte bancarie presuppone una certa competenza, altrimenti meglio rivolgersi a chi ne capisce di più. Anche in questo caso non è da scartare l’ipotesi di ricorrere a una persona competente capace di seguirvi passo passo nella scelta del prestito più adatto a voi ed economicamente maggiormente vantaggioso.

APRIRE UN AUTOLAVAGGIO: CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

Aprire un lavaggio potrebbe essere un’idea abbastanza remunerativa, ma solo se si tiene conto di determinati presupposti. Prima di ogni passo è importante avere le idee chiare su cosa fare, sull’attività da svolgere, sulla somma da investire inizialmente e sul luogo dove aprire il proprio autolavaggio. Dedicare al progetto il proprio tempo e il proprio denaro senza curare tutti gli aspetti della questione sarebbe un grave imperdonabile errore, la maniera sbagliata per iniziare un’attività imprenditoriale. D’altronde la concorrenza sul mercato è forte e non permette alcun passo falso. Meglio allora fare le cose con estrema cura e dedicando le proprie attenzione anche ai più piccoli dettagli. Solo così aumenteranno le possibilità di un veloce ritorno economico e quindi di vedere il proprio autolavaggio pieno di auto da pulire.

 

  Comments: None

Commenta ora

Confermo di acconsentire al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 196/03 e dell'art. 13 del Regolamento UE 679/16 e di aver preso preso visione dell'informativa privacy.